RayBandasoleit.com | Aviatore, i nuovi occhiali “da donna”

Sarà che il maschile va molto di moda questa primavera-estate, ma anche gli accessori pare si stiano adattando al trend. Anche per questo la stagione vede (è proprio il caso di dirlo) il trionfo di un modello prettamente maschile, gli aviator. Grazie alle decine di varianti (forme, colori, effetti) funzionano davvero su qualunque tipo di viso, proteggendo lo sguardo e donando allo stesso tempo stile ed eleganza a chi li indossa. Mica male

Utili sono utili, questo è fuori discussione. Ma la valenza degli occhiali da sole, in termini sia stilistici che simbolici, va ben oltre l’uso per cui sono stati inizialmente concepiti: nascondono lo sguardo creando un’aura di mistero e di carisma e danno forza e consistenza ai look di qualsiasi genere. Dopotutto sono un accessorio “da volto”, per così dire: impossibile non notarli, finiscono per trasformare i tratti di chi li indossa, correggendone i difetti (le occhiaie da hangover possono essere sconfitte solo da un paio di lenti scurissime) ed esaltandone i pregi (se utilizzati nella maniera giusta). Messa in chiaro quindi la loro importanza, si può passare a esaminarli da un punto di vista prettamente stilistico. Ovviamente, come sempre accade nella moda, qui dettano legge trend e mode della stagione, anche se l’approccio alla scelta degli occhiali da sole può assumere due vie molto diverse: da una parte c’è chi elegge un modello a proprio “simbolo”, non allontanandosene più e rifuggendo qualunque cambiamento (scelta giustificabile visto quanto una montatura può influenzare un volto), e chi invece li vede come un accessorio di moda da cambiare in base all’umore, al look e ai diktat degli stilisti del momento. Nessun giudizio nel merito, entrambi i punti di vista sono assolutamente condivisibili: però questa stagione si è raggiunto forse, come mai prima, il punto d’incontro fra le due filosofie. A trionfare infatti è il modello da aviatore: un classico come pochi altri che adesso è anche estremamente trendy. Una bella doppietta, non c’è che dire.
Non si tratta certo di una rivoluzione in campo stilistico, anzi: sono un classico talmente conosciuto da essere tra i pochissimi modelli identificati con un nome proprio (il modello identificato come “Aviator” viene creato da Bausch & Lomb nel 1936, per poi diventare prima delle Seconda Guerra Mondiale brevetto Ray-Ban). Basta parlar di “occhiali da aviatore”, e tutti immediatamente si immaginano il modello con le lenti a goccia, grandi, con il doppio ponte sul naso, di metallo o di pelle. Li hanno indossati i più grandi divi, da Paul Newman a Robert Redford, passando per Richard Gere fino a Tom Cruise, indimenticabile in Top Gun: tutti uomini, in effetti. È questa un’altra loro particolarità: nati come modello maschile, sia per uso che per dimensioni, sono stati lentamente ma con costanza assimilati dal guardaroba femminile, che li ha trasformati in un simbolo di quel casual elegante e sofisticato tanto ricercato. Non si tratta certo di un’operazione recente: è dagli anni ’70 che icone dello stile come Lauren Hutton li usano regolarmente; quello che accade oggi è piuttosto una loro entrata definitiva nei meccanismi della moda, con varianti colore, forme diverse, accessoriamento e dettagli studiati sino ai minimi particolari. Proprio come fossero un pezzo da indossare, una borsa o un paio di scarpe. Ecco perché abbiamo parlato prima di conlfluenza tra approcci: gli aviator sono e rimarranno tali, nonostante tutti i rimaneggiamenti cui sono stati sottoposti. Però, allo stesso tempo, sono perfettamente in linea con le tendenze dell stagione, e per questo ancora più appetibili. Che equilibrio perfetto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *